EVENTO ANNULLATO CAUSA DPCM 24 OTTOBRE 2020

Cinema & sport femminile

Lunedì 26 ottobre al cinema Multiastra “Cinema & sport femminile”, con la presentazione del libro “Giovinette, le calciatrici che sfidarono il duce“, con l’autrice Federica Seneghini in collaborazione con la libreria Limerick, presentato dal giornalista Massimo Zilio, alle ore 20:45.

Un romanzo avvincente, corredato da un breve saggio, su una grande avventura umana e sportiva.

Federica Seneghini, classe ’81, genovese, sensibile alle tematiche socio-ambientali, giornalista per il “Corriere della Sera”.

ebook-libro-copertina-flessibile-Giovinette-le-calciatrici-che-sfidarono-il-duce-Federica Seneghini

Il libro “Giovinette, le calciatrici che sfidarono il duce” in formato Kindle o copertina flessibile su Amazon.

Alle 21:15 ci sarà la proiezione del documentario “Butterfly“, regia Alessandro Cassigoli e Casey Kauffman, con ospite in sala la campionessa di pugilato Silvia Bortot.

INGRESSO 5€
PRENOTAZIONI APERTE SUL SITO del Cinema Multiastra.

In collaborazione con libreria Limerick – ragazze nel pallone –
Padova calcio femminile – Csen – C.U.C cinema uno

Il libro …
Solo un giuoco, un amatissimo giuoco.

Che però Rosetta e le sue compagne, un manipolo di “tifosine” — come si diceva allora — milanesi, le prime donne in Italia a fondare una squadra di calcio, il Gfc, Gruppo Femminile di Calcio, non poterono giocare a lungo: il fascismo glielo impedì.

La loro storia, a lungo dimenticata, è diventata un romanzo, Giovinette (Solferino) scritto dalla giornalista del Corriere Federica Seneghini, che ha ricostruito la loro vicenda sulla base dei documenti dell’epoca, della testimonianza dell’ultima superstite e dei ricordi dei parenti delle protagoniste.

Restituisce finalmente giustizia a un gruppo di ragazze i cui sogni furono bruscamente interrotti dal regime, e mostra uno dei modi più insidiosi in cui agiscono le dittature: non solo la violenza e la repressione politica che tutti abbiamo ben presenti, ma una più ampia — e forse duratura — distruzione di possibilità di vita per le persone.

Bisognerà aspettare il 1968 per vedere il primo campionato ufficioso di calcio femminile, il 1986 per avere quello istituito da una Federazione strutturata. (cit.Elena Tebano da “il corriere della sera”)

Il film…
“Irma ha solo 18 anni, ma è già una campionessa di boxe.

Il suo successo è un risultato notevole per una ragazza cresciuta in uno dei paesi più violenti del napoletano.

Tuttavia più Irma riesce nel suo percorso sportivo, più si rivela fragile nel suo percorso interiore.

Trascorre mesi nei ritiri di allenamento lontano da casa, sotto pressione e con enormi aspettative nei suoi confronti.

Inizia ad insinuarsi in lei il dubbio se valga la pena o meno di rinunciare alla sua gioventù per i propri obiettivi.

Il maestro Lucio ha 78 anni, è stato il primo allenatore e l’unica vera figura paterna per Irma e conosce meglio di altri la natura distruttiva delle aspettative nei confronti della giovane campionessa.

Maestro di vita oltre che maestro di boxe, dal momento in cui l’arbitro alza il braccio di Irma in segno di vittoria alle qualificazioni olimpiche, sa che la sua vita non sarà più la stessa.

Prima pugile donna italiana della storia a qualificarsi alle Olimpiadi, Irma si ritrova con i media incessantemente addosso. In poco tempo la ragazza diventa una notizia, un volto in tv, addirittura la protagonista di un libro sulla sua vita.

L’immagine confezionata dai media è semplicemente troppo bella per essere vera: una ragazza del “ghetto” che vince le Olimpiadi e scrive la storia.

Irma, invece, torna in Italia senza una medaglia. La delusione è troppo grande, le sue certezze sono crollate. La boxe è davvero qualcosa che fa per lei?

Adesso che è lontana dai riflettori può finalmente guardarsi dentro e cercare la sua strada.”

BUTTERFLY – IL FILM | Trailer Ufficiale HD

TORNA ALLA PAGINA EVENTI PADOVA-ARCELLA

BACHECA ARCELLA

ARCELLA

Condividi l'articolo